panna montata ma non molto definita, usata come decorazione su coppa gelato, con topping alla fragola e fragola fresca per guarnizione

La panna parte 2: perché si smonta

Smontata, stracciata, impazzita! 😫

Tutti modi per indicare che la nostra panna, magari fino a un attimo prima perfetta, ha perso la sua giusta consistenza. E nella maggior parte dei casi è perché l’abbiamo montata troppo!

Come faccio a sapere quand’è “troppo”? 🤔

Impara ad osservarla unicornino mio!

👉 Quando ti sembra che sia sufficientemente gonfia e cremosa, e le fruste iniziano a “rigarla”, fermati un attimo. Solleva le fruste: se la panna forma una sorta di fiamma sulla loro punta dovrebbe essere pronta.

👉 Ora fai ancora attenzione però: se l’amalgami ad altri ingredienti, non puoi semplicemente aggiungerla e mescolarla, ma lavora muovendola con la spatola dall’alto in basso altrimenti perderà forma

🧐 Che succede sei vai avanti a montare?

Arriverai a un momento in cui la tua panna perderà consistenza e stabilità. In pasticceria si dice che “si straccia”: il grasso di cui è composta si separa dal siero e fa “impazzire” il composto, che perde appunto omogeneità (e se vai avanti troppo arrivi a fare il burro, non è una battuta!).

Potrebbero formarsi grumi. Ma ho una buona notizia per te: se te ne accorgi subito forse puoi ancora recuperarla. Ti basterà aggiungere un cucchiaio di panna liquida e mescolare delicatamente con la spatola, non con le fruste, fino a quando non si sarà amalgamata perfettamente al composto. Se il risultato non ti soddisfa, aggiungi un altro cucchiaio e ripeti. 😉

Questa panna recuperata non sarà l’ideale per le decorazioni, ma è ancora ottima per le farciture e si può mangiare tranquillamente.

Condividi questa TIP!

panna in una terrina di metallo con strumento a fruste per montarlaLa panna - parte 1: perché non si monta?
matterello pasta frolla ripiano infarinato farinaStendere la frolla senza aggiungere farina extra
Scopri altre utilissime TIPS!